Roberto, in Svizzera per un'esperienza lavorativa

“Mi sono trasferito in Svizzera, a Lugano, da poco più di 10 anni, nell’agosto del 2010. Le prime persone che ho conosciuto sono stati i miei colleghi di ufficio. Sono responsabile della digitalizzazione dei prodotti della mia azienda per i mercati Africa e Medio Oriente e sono stato trasferito da Torino su richiesta del mio datore di lavoro, dato che i mercati di mia competenza sono gestiti dalla sede di Lugano.
In Svizzera non sono riuscito a costruirmi una rete sociale vera e propria: gli svizzeri sono diffidenti e riservati, quindi direi che ho più che altro dei conoscenti, ma li frequento molto poco. I miei amici sono tutti in Italia, a Como e a Milano, oltre ai vecchi amici e la mia famiglia a Torino. I miei due figli sono a Lugano, vivono con la loro mamma (la mia ex-moglie) e li vedo regolarmente. Un’altra parte di famiglia, quella che ho costruito dopo il divorzio, vive in provincia di Como.”

Pubblicato il 26.10.2021

da: Torino
a: Lugano, Svizzera

#svizzera #scapàdaca #piemontesinelmondo #torino #lugano

1 di 3

Pubblicato il 26.10.2021

da: Torino

a: Lugano, Svizzera

#svizzera #scapàdaca #piemontesinelmondo #torino #lugano

“Ho sempre voluto fare un’esperienza di vita all’estero (magari non in Svizzera o nella Svizzera Italiana) e quando mi hanno proposto il trasferimento al lavoro ho accettato. Per quanto riguarda l’andare a lavorare all’estero posso dire che se è un’esperienza che attira, va fatta assolutamente, magari scegliendo il paese di destinazione in base alle proprie inclinazioni (se possibile).
Il momento più duro della mia esperienza all’estero è stato quello della separazione/divorzio. Mi sono trovato solo in un paese in cui non ero riuscito a costruire rapporti profondi e solidi. Anche il periodo di emergenza sanitaria e di pandemia globale l’ho vissuto molto male. Il fatto di essere bloccati contro la propria volontà, senza orizzonti certi è snervante. Non ho potuto vedere la mia compagna per cinque mesi. Non ho potuto vedere la mia famiglia di origine per molti mesi, lavoravo da casa e quindi non vedevo neanche i colleghi. Insomma ho vissuto un periodo di solitudine forzata.”

Pubblicato il 02.11.2021

2 di 3

Pubblicato il 02.11.2021

“Lugano è una bella città (come mi fanno notare tutti) ma credo che sia bella da visitare, non tanto per viverci. È un po’ finta, tutta votata a soldi, finanza, lusso. Sicuramente ha anche lati positivi: il lago, la burocrazia snella, le montagne, la vicinanza con l’Italia. Della Svizzera in generale apprezzo la tranquillità, la sicurezza, la facilità nel fare qualunque cosa, la rete di sentieri escursionistici perfettamente mantenuti. Odio il costo della vita ridicolo e il fatto che i negozi chiudano prestissimo rendendo le città dei veri e propri dormitori.
Dell’Italia e del Piemonte mi mancano il cibo, le città vive, piene di gente e negozi, i prezzi bassi, le passeggiate sotto i portici, le montagne della Valle di Susa, le Langhe, vivere in una città vera, con un’anima. Ogni volta che torno a Torino come prima cosa vado a trovare i miei genitori e mia sorella, solitamente nel loro negozio, dove lavorano, poi una bella passeggiata sotto i portici e per tutto il centro, una pausa alla Feltrinelli, un aperitivo con tante cose buone.
Del mio paese d’origine non mi mancano per niente l’afa da giugno ad agosto e i pollini. Dall’estero vedo che l’Italia e il Piemonte sono purtroppo nel caos, in mano a gente che non sa che pesci prendere ma rimangono sempre i due posti dove tornerei anche domani e credo che in futuro tornerò sicuramente a vivere in Italia.
Se dovessi dare un consiglio ad uno straniero che ha deciso di venire a vivere in Piemonte gli direi di non farsi intimorire dalle voci sul Piemonte, sui piemontesi e sui torinesi. Chi si è trasferito se ne è innamorato, sempre! E chi ci è cresciuto e se ne è andato, continua ad amarlo.”

Pubblicato il 04.11.2021

3 di 3

Pubblicato il 04.11.2021

L'itinerario di questa storia 

Scapà da ca è un progetto di della Fondazione Enrico Eandi, fondazione culturale piemontese dedita alla valorizzazione, divulgazione e promozione del patrimonio culturale del Piemonte.